Mountain Guide-Guida Alpina Tonale

VAL DI SOLE
CIMA DEL PRADAĆ, SPALLONE EST DELLA CRESTA, ALTA VALLE DI BARCO
VIA TONJI SPECIAL (dedicata a Julia C.B.)
Zona montuosa: Presanella
Quota di partenza: 2.350
Dislivello totale:
- +450mt circa per l’attacco (dal lago di Barco)
- +140mt circa la via
Ore di salita:
- 1,30h per l’attacco (dal lago di Barco)
- 2,5h la via
Data di apertura: 22 agosto 2021
Apritori: Gianni Trepin, Matteo Capellini
Discesa: dalla cima salire lungo la cresta verso sud fino a trovare un facile canale che con roccette e
tratti erbosi scende verso est, quindi scendere la pietraia fino ad intercettare il sentiero.
Difficoltà: VI, V+
Descrizione generale
Via bella e selvaggia, su granito, in ambiente totalmente incontaminato e di estrema bellezza. Zona
montuosa scarsamente frequentata che regala emozioni speciali. La via è da proteggere con friends
(utile serie intera per ripetizione), soste identificate da chiodi lasciati dagli apritori o alberi, e 4 chiodi in
totale in via nei passaggi più delicati.
Attacco
Da Vermiglio percorrere la strada forestale per il lago di Barco (necessario permesso). Alla fine della
strada in 30 minuti circa di cammino si raggiunge il lago di Barco. Si prosegue a sinistra del lago
seguendo le indicazioni per il lago Piccolo. A quota 2.200 circa si devia dal sentiero verso destra, per
vegetazione fino a raggiungere la grande pietraia che porta alla base della parete (spallone est della
cresta), puntando un evidente triangolo giallo/arancione rovesciato alla base della parete che
identifica l’attacco.
Coordinate dell’attacco: N 46 15 49 E 10 42 10
Descrizione della via
1° tiro
Salire alla destra del triangolo rovesciato di colore giallo/arancio, rimontando su un pilastrino alla cui
base c’è un ometto di pietre (agosto 2021), che identifica la partenza.
Proseguire con bella arrampicata in obliquo verso sinistra, puntando la base dell’evidente dietro. Una
volta raggiunta la base del dietro traversare 1-2 metri a sinistra per comoda sosta, con un chiodo,
spuntoni e una fessura verticale per friend giallo.
20 metri / V2° tiro
Salire nel diedro per 2-3 metri e poi uscire a sinistra sullo spigolo. La partenza nel diedro è molto
delicata (pochi appigli per le mani e roccia con licheni, 6b) ed è stata protetta con 3 chiodi che
permettono A0. Una volta rimontati sullo spigolo, seguirlo fino ad un albero (pino cembro) con
cordone rosso per la sosta.
Possibile eventualmente salire sullo spigolo direttamente da sopra la sosta, con passaggio da
proteggere con friends, difficoltà non note.
25 metri / 3 chiodi / VI (A0), IV+
3° tiro
Salire obliquando a sinistra e poi traversare a destra per evitare il tetto (un chiodo). Passare a destra
del tettino e salire in obliquo a sinistra fino ad albero con cordone rosso (larice) su cui si sosta.
20 metri / 1 chiodo / VI e V+
4° tiro
Salire con bella arrampicata la parete sopra la sosta (attaccandola 2-3 metri più in alto rispetto
all’albero di sosta) e uscire sullo spigolo aereo. Proseguire seguendo lo spigolo con qualche passo di
aderenza fino alla sosta con due chiodi
20 metri / IV e V
5° tiro
Proseguire in modo logico con arrampicata semplice lungo lo spigolo (leggermente verso destra) fino
ad uscire in cresta. Sosta su spuntone con cordone rosso.
55 metri / III e IV
Discesa
Dal pianoro sommitale è possibile scendere dall'evidente canale posto a destra della parete (nord) che si raggiunge

salendo fino quasi al filo di cresta e poi verso destra e quindi al canale che scende in direzione est.

Inizio via